Le droghe possono modificare la personalità di chi ne fa uso?

Un comportamento aggressivo, ad esempio, puo’ essere causato da una intossicazione da cocaina?

Per rispondere a tale quesito, e’ necessario ...

PRENOTA ORA!

Utilizza il form per inviarci la tua prenotazione
Ti contatteremo il prima possibile per la conferma

26 Gennaio 2018

Le droghe possono modificare la personalità di chi ne fa uso?

Un comportamento aggressivo, ad esempio, puo’ essere causato da una intossicazione da cocaina?

Per rispondere a tale quesito, e’ necessario prendere in considerazione alcuni aspetti del problema.

Innanzitutto dobbiamo sottolineare che l’assunzione di una sostanza psicoattiva, contrariamente a quanto si puo’ pensare, non modifica aspetti della personalita’, non puo’ indurre cambiamenti nel modo di fare o agire, ma puo’ inibire o attivare aspetti gia’ presenti nel soggetto.
Non possiamo quindi aspettarci che una persona, se assume cocaina, commetta di conseguenza un atto criminoso, a meno che non sia preesistente una disposizione a commettere un reato. Quello che possiamo dire invece e’ che se in un soggetto sono presenti aspetti comportamentali potenzialmente “a rischio”, e’ possibile che l’assunzione di una certa sostanza vada ad aumentare ed incrementare tali parti di se’.Ecco che un’intossicazione da cocaina puo’ favorire il ricorso ad uno schema aggressivo, potenziandolo, quando questo faccia gia’ parte delle disposizioni personali e dei significati attribuiti al tipo di situazione in cui il soggetto protagonista si trova.

Quando si parla di effetti delle sostanze psicoattive non si puo’ omettere di considerare l’ interazione che esse intrattengono con la psiche, il comportamento o il contesto a cui appartiene un individuo, a dimostrazione del fatto che l’azione delle stesse e’ influenzata dalla condizione emotiva e cognitiva di chi le assume, ma non solo, lo stato emotivo iniziale di una persona influisce enormemente sulla variabilita’ degli effetti soggettivi prodotti dall’assunzione di una specifica droga.

Se da una parte e’ legittimo pensare che alcuni psicostimolanti come la cocaina non generino di per se’ atti e condotte aggressive, un’intossicazione acuta o cronica puo’ far affiorare configurazioni paranoidi, il cui tratto di fondo e’ la paura e non l’aggressivita’.

Inoltre il tipo di identita’ che un individuo attribuisce a se stesso, in uno specifico contesto, evochera’ adeguati sentimenti, pensieri e stati emotivi che possono essere accentuati o inibiti dall’utilizzo di uno specifica droga. Ci sara’ dunque chi utilizzera’ la cocaina per commettere un reato, chi per ottenere prestazioni sessuali soddisfacenti, chi per cercare di rendersi piu’ estroverso.

Le persone definiscono chi assume una droga soggetto reo e pericoloso. I consumatori delle droghe invece pensano di vivere esperienze piacevoli e gratificanti. Da qui possiamo introdurre il concetto di tossicofilia, che rimanda alle intenzionalita’ del soggetto nella scelta di assumere una droga, anziche’ di tossicodipendenza, che invece vede gli assuntori di sostanze come vittime passive il cui drogarsi non dipende dalla propria volonta’. Per tossicofilia quindi si intende la ricerca da parte delle persone degli effetti gratificanti delle sostanze, utilizzate per modificare intenzionalmente il proprio stato corporeo e mentale ricavandone esperienze cognitive ed emotive dotate di senso e significato. Tali esperienze pero’ mascherano i gravi effetti collaterali dell’intossicazione e il pericolo di sviluppare una forte dipendenza psicologica.

La tossicofilia, motivata dalla ricerca del piacere fisico e mentale diversamente dalla tossicodipendenza legata all’evitamento della sofferenza da astinenza, rappresenta una parte pervasiva dell’identita’ personale e sociale, costitutiva dell’esperienza di se’ e del sistema di conferme, ricompense e riconoscimenti su cui si poggia.
br>Le psicoterapie non sono sempre in grado di sostituirsi al valore dell’esperienza tossicofilica e di incidere significativamente sulla riorganizzazione dell’identita’ poiche’ essa ha un decorso prolungato o breve a seconda delle sostanze utilizzate, del tipo di abuso e di altre caratteristiche ambientali e personali.

 

A cura della Dott.ssa Nicoletta Filella

 

Categorie

Articoli , Informazione medica

Tutti gli articoli
Informativa e consenso per l'uso dei cookie

Accetto Il nostro sito salva piccoli pezzi di informazioni (cookie) sul dispositivo, al fine di fornire contenuti migliori e per scopi statistici. È possibile disattivare l'utilizzo di cookies modificando le impostazioni del tuo browser. Continuando la navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie.